Tiroide e Primavera: tutti gli effetti endocrinologici della stagione primaverile

La tiroide è una ghiandola che svolge un compito fondamentale nel nostro organismo, da essa infatti dipende gran parte del funzionamento fisiologico del nostro corpo. Proprio per meglio conoscere questa ghiandola e gli effetti che essa ha sul benessere dell’individuo, il provider ECM 2506 Sanità in-Formazione in collaborazione con Consulcesi Club, ha lanciato un corso FAD (formazione a distanza) ove viene trattato il tema in rapporto alla stagione primaverile appena cominciata.

La primavera infatti ha degli effetti sulla nostra tiroide, effetti che il corso mette in luce grazie all’ausilio della dottoressa Serena Missori, endocrinologa e nutrizionista già autrice del libro “La dieta della tiroide”. Questo periodo dell’anno, oltre alle classiche allergie da polline, è portatore di una serie di disturbi come ansia, stanchezza, difficoltà di concentrazione, irritabilità, mal di testa e sbalzi d’umore, tutti sintomi che possono, alla lunga, rappresentare un segnale d’allarme di problemi alla tiroide.

Come combattere il mal di primavera e aiutare la tiroide

A venirci in soccorso è appunto il corso FAD promosso da Consulcesi, gruppo che opera nel settore legale sanitario guidato dal Presidente Massimo Tortorella. All’interno del corso è possibile trovare molti consigli utili su come affrontare la primavera al meglio, ve ne citiamo alcuni:

  1. Verdure e frutta alleate del benessere: noci, noci del Brasile, mandorle, verdura e frutta fresca aiutano a reintegrare sali minerali e vitamine
  2. Cioccolato fondente alleato dell’umore: il cioccolato aiuta a risollevare l’umore, mangiato non in quantità esagerata ha un effetto benefico sul nostro organismo (da preferire il fondente dall’80% in poi).
  3. Le spezie: curcuma, cannella, zenzero sono spezie che aiutano a bilanciare le energie primaverili
  4. Un tocco di verde per depurarsi: sedano, menta, finocchio, prezzemolo favoriscono la depurazione e invogliano a muoversi di più
  5. Integratori: gli integratori alimentari aiutano corpo e mente come ad esempio il magnesio, in grado di allentare tensioni fisiche ed emotive; lo zinco, in grado di modulare gli impulsi nervosi; il selenio, in grado di ridurre l’umore flesso e migliora le prestazioni
  6. Rimedi naturali per rilassarsi: il biancospino favorisce la calma vigile, la passiflora riduce il nervosismo, la rodiola rosea stabilizza le fluttuazioni umorali
  7. La respirazione: quando ci si sente nervosi e spossati, la respirazione diventa importantissima. Per sentirsi meglio basta respirare in modo corretto ed energizzante attraverso le narici, muovendo il torace e contando 3 secondi nell’inspirazione e 3-4 nell’espirazione. L’esercizio va ripetuto 10 volte più volte al giorno
  8. Frullato verde a colazione: mangiare un frullato “verde” a colazione rappresenta un grande boost per la tiroide. Come farlo: 100-150g di ananas, 10 pistacchi non salati, 1 cucchiaio di semi di lino, 2 manciate di rucola, 2 noci del brasile e 200ml di latte di cocco.

 

Precedente La Lettera del Vescovo Gerardo Antonazzo ai cresimandi della Diocesi di Sora Successivo Un nuovo successo per Consulcesi: accolto il ricorso degli specializzandi '93-2006